alacre
aggettivo

alacre m / f

singolareplurale
maschilealacrealacri
femminilealacrealacri

  1. che opera con sollecitudine, rapidità, volonterosa efficienza o che si caratterizza per queste doti
    • Simona era taciturna quasi quanto la giovine padrona che se n'era andata, ma non altrettanto alacre e svelta; non sempre la casa era in ordine, e ogni volta che zio Remundu tornava dall'ovile lo si sentiva strillare come un'aquila. (Grazia Deledda, Colombi e sparvieri)
  2. (senso figurato) fervido, pronto, vivo, con riferimento particolare a qualità intellettuali prese singolarmente o nel loro complesso
    • Accade ciò perché i ricordi si fan tanto più vivi, quanto più s’allontana l’oggetto? o perché la memoria fanciullesca è più sveglia, più alacre, più fresca? (Matilde Serao, Il romanzo della fanciulla)
  3. (senso figurato) di ciò che è aperto all'innovazione, in positivo e operoso fermento
    • Su questo orizzonte dinamicamente alacre, Treves e Sonzogno assumono un ruolo guida, diventando i protagonisti attivi del rinnovamento editoriale post-risorgimentale: grazie ad una spregiudicatezza spavalda, che opera, con strategia integrata, sulla catena librorivista-giornale, i due imprenditori sanciscono il successo di nuovi generi e tipi di fruizione, imponendo l'egemonia della cultura milanese sull'intera penisola. (Giovanna Rosa, La narrativa scapigliata)
sillabazione
à | la | cre
pronuncia

(IPA): /'alakre/
(IPA): /a'lakre]/

etimologia

dal latino alacer, alacris ossia "vivace", "lesto", "pronto"

sinonimi
traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.004
Dizionario italiano offline