asserto
sostantivo

asserto m sing (pl: asserti)

  1. enunciato che risponde o che pretende di rispondere a verità; affermazione convinta, asserzione
    • Fino al giorno d'oggi, io sono arrivato al punto che tu, Pepè Alletto, debolissimo uomo, puoi dire a me, Ciro Coppa, così: " Ciro, io sostengo che tu sei un vigliacco! ". - Non ridere, imbecille! - Se mi dicessi così, io, guarda, forse in prima impallidirei un po', stringerei le pugna per contenermi, chiuderei gli occhi, inghiottirei; poi, dominato l'impeto, ti risponderei con la massima calma e con garbo anche: " Caro Pepé, ti sembro un vigliacco? Ragioniamo, se non ti dispiace, codesto tuo asserto " (Luigi Pirandello, Il turno)
sillabazione
as | sèr | to
pronuncia

(IPA): /asˈsɛrto/

etimologia

dal latino tardo adsertus, participio passato di adserĕre (vedi adsero) "dichiarare, asserire", composto di ad "a" e serĕre (vedi sero) "intessere, intrecciare"

sinonimi parole derivate termini correlati
traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.003
Dizionario italiano offline