cherubino
sostantivo

cherubino m sing (pl: cherubini)

  1. (religione), (ebraismo), (cristianesimo) un tipo di angelo nominato nella Bibbia, descritto come un essere dalla forma umana ma dotato di quattro ali e tetramorfo, ovvero con quattro facce (di uomo, di vitello, di leone e di aquila); nell'Antico Testamento viene detto come essi vengano posti da Dio a guardia del Paradiso terrestre, armati di una spada fiammeggiante, e gli studiosi medievali di angelologia cristiana li classificarono generalmente come angeli di prima schiera, vicinissimi al trono di Dio
  2. (cristianesimo) nell'iconografia cristiana più recente, un tipo di angelo rappresentato con le fattezze di un bambino alato di straordinaria bellezza e dall'espressione innocente
  3. (per estensione), (arte) rappresentazione artistica di tale angelo bambino, quale appare nelle opere di molti pittori e artisti dal Rinascimento in poi
    • la volta della chiesa è arricchita da un affesco rappresentante dei cherubini
  4. (senso figurato) bimbo o giovane dal viso bello ed etereo
    • quel bambino sembra un cherubino
  5. (araldica) figura araldica convenzionale che rappresenta una testa di puttino, in maestà, sostenuta da due ali spiegate
sillabazione
che | ru | bì | no
pronuncia

(IPA): /keru'bino/

etimologia

dal latino cherub (e più precisamente dalla forma tarda cherubin, utilizzata nel latino ecclesiastico), a sua volta dal greco χερούβ (kheroúb) che deriva dall'ebraico כְּרוּב (kerúv); quest'ultimo è probabilmente correlato a un verbo in lingua accadica (trascritto come karābu), che vuol dire "pregare" o "rivolgersi a Dio"

parole derivate
  • cherubico
termini correlati
traduzione

traduzione

traduzione

Cherubino
sostantivo

cherubino m

  1. nome proprio di persona maschile



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.015
Dizionario italiano offline