controllo
sostantivo

controllo m (pl: controlli)

  1. (diritto) (economia) (commercio) (finanza) insieme di procedimenti rigorosi e metodici col fine di rendere un ente in grado di realizzare specifici obiettivi
  2. (militare) (diritto) accertamento, secondo le leggi in vigore, in merito ad una data funzione, ad utilizzo, ad un ruolo o ad un compito specifici di uno o più cittadini
  3. controllo dentistico: con la possibilità di curare nel corso della stessa seduta o visita
  4. (fisiologia) (medicina) esame sistematico, a fine di diagnosi o terapia, di una o più funzioni fisiche
    • Ho eseguito un controllo delle mie capacità motorie.
  5. controllo automatico: regolazione elettrica di un meccanismo, resa possibile dalla manipolazione delle grandezze d'ingresso
  6. controllo qualità: per prodotti in commercio, soprattutto alimentari
  7. (per estensione) una o più "prove", anche malgrado sia certa la correttezza
    • Lo sottopone a un continuo controllo.
  8. (senso figurato) "governo" della stabilità
    • L'uomo prese il controllo dell'auto.
  9. (psicologia) capacità di controllarsi
    • Non perdere mai il controllo!

verbo

controllo

  1. prima persona singolare dell'indicativo presente di controllare
sillabazione
con | tròl | lo
pronuncia

(IPA): /kon'trɔllo/

etimologia

dal francese contrôle ossia "registro che fa da riscontro a un altro"

sinonimi parole derivate traduzione
traduzione
traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.002
Dizionario italiano offline