dilagare
verbo

coniugazione

  1. di liquidi, corsi d'acqua o simili, formare un lago, estendendosi su di un territorio e ricoprendolo interamente
    • ne’ campi dilaga il rio precipite (Angelo poliziano, Le selve, traduzione di Luigi Grilli, Il campagnuolo, 228)
    • come un torrente che dilaga (Emilio Salgari, La regina dei Caraibi, Cap. XIX)
    • dilaga la pioggia, cala la neve (Neera, Anima sola, XIX)
  2. (senso figurato) diffondersi ovunque, occupare ogni luogo fino a diventare onnipresente, detto di elementi fisici, ma anche di concetti immateriali o di emozioni
  3. (antico) coprire interamente con qualcosa, spargere in ogni dove
    • dilagando porpore vive sul pavimento infiorato (Gian Pietro Lucini, La piccola Kelidonio, XV)
    • dilagare tutta l’isola di viril sangue (Vincenzo Maggi, Un brieve trattato dell'eccellentia delle donne, Breve esortazione agli uomini)
sillabazione
di | la | gà | re
pronuncia

(IPA): /dilaˈgare/

etimologia

formato dal prefisso di- e da lago

sinonimi contrari parole derivate
traduzione

traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.002
Dizionario italiano offline