disbrigare
verbo

coniugazione

  1. aiutare (qualcuno) a cavarsi d'impaccio, liberandolo da ostacoli, impedimenti o comunque da situazioni problematiche
    • di questi 2 argomenti, il secondo veramente mi pare assai concludente: ma quanto al primo, crederei di potermi da per me stesso disbrigare (Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo, giornata terza)
  2. portare a termine velocemente e completamente, detto di faccende, pratiche, compiti etc.
    • tutte le piccole noie domestiche che gli altri giorni disbrigava Berta (Charles Dickens, Il grillo del focolare, traduzione di Grazia Pierantoni Mancini, secondo grido)
    • cari amici, questa pratica non c’è che un onorevole che ve la possa disbrigare (Alfredo Panzini, Novelle d'ambo i sessi, Antonio e Cleopatra)
sillabazione
di | sbri | gà | re
pronuncia

(IPA): /dizbriˈgare/

etimologia

cpmposto del prefisso dis-, con valore negativo, e di briga, nel senso di "noia, fastidio"; letteralmente significa quindi "togliere la briga, il fastidio"

sinonimi parole derivate termini correlati
traduzione

traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.004
Dizionario italiano offline