estasi
sostantivo

estasi f inv

  1. condizione benefica dell'animo e/o dell'anima
  2. (per estensione) passione estrema, apice dell'entusiasmo
  3. (religione) condizione di "piacere" spirituale; abnegazione spirituale in uno stato di pace e tranquillità
  4. (gergale) essere molto contenti, quasi senza inibizione: "essere al settimo cielo"
  5. (senso figurato) abbandono mistico-religioso che, non perdendo comunque la speranza, consiste nel lasciarsi totalmente a Dio quindi rasentando i confini della vita, talvolta con il sopraggiungere della morte
  6. esperienza religiosa controllata, libera ed equilibrata ma estremo dell'appercezione oltre i limiti e dell'intelletto e dei legami etici quando eccessivamente rigorosi
  7. (familiare) allusione al piacere sessuale, in genere quello femminile
sillabazione
è | sta | si
pronuncia

(IPA): /'ɛstazi/

etimologia

dal latino tardo ecstăsis che deriva dal greco ἔκστασις ovvero "turbamento" o "stato di stupore della mente" , derivazione di ἐξίστημι ossia "essere fuori di sè"

sinonimi contrari parole derivate termini correlati proverbi e modi di dire
  • essere in estasi : restare senza parole per la meraviglia di qualcosa o per qualcuno

traduzione

traduzione

traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.014
Dizionario italiano offline