grazia
sostantivo

grazia f sing (pl: grazie)

  1. bontà di modi, di intenzioni e di atteggiamenti
  2. (diritto) annullamento totale o parziale di una condanna
  3. (religione) condizione spirituale di sollievo, di "beatitudine", talvolta concessa "a prescindere" e/o senza necessaria "fatica", e in misura più che proporzionale al merito del singolo.
  4. (cristianesimo) Possibilità di salvezza offerta da Gesù Cristo Dio al genere umano con la redenzione
  5. (cattolicesimo) dono gratuito del Dio Uno e Trino, prodigo di amore: dono dei sette sacramenti e dell'angeli custode, della divina presenza nell'eucaristia e nella contemplazione mistica, del ausilio mediante la preghiera, del premio di una vita Suo senza fine in rapporto al limite finito del merito umano.
  6. (protestantesimo) insieme di doni che procedono dall'incarnazione, e resurrezione di Gesù dalla morte di croce, che salverebbe l'uomo a prescindere da come egli operi
  7. (filosofia) manifestazione di affetto e di altruismo
sillabazione
grà | zia
pronuncia

(IPA): /'gratsja/

etimologia

dal latino gratia ("attrattiva, piacevolezza; "favore, servizio"; "riconoscenza, ringraziamento"; "perdono, remissione, indulgenza, condono "), che deriva da gratus cioè "gradito, riconoscente"

sinonimi contrari parole derivate termini correlati proverbi e modi di dire
  • La beltà senza la grazia è un amo senza l'esca
  • in grazia di

Grazia
sostantivo

grazia f

  1. nome proprio di persona femminile



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.003
Dizionario italiano offline