polso
sostantivo

polso m sing (pl: polsi)

  1. (anatomia) la parte terminale del braccio, subito prima dell'attaccatura della mano, nella quale le ossa di tali arti si uniscono tramite una complessa struttura di legamenti, che ne consentono l'articolazione
  2. (medicina), (fisiologia) la ritmica vibrazione prodotta dal battito del cuore, quale può essere auscultata in prossimità nella parte terminale del braccio, dove sono maggiormente esposte l'arteria brachiale e le vene ulnare e radiale
  3. (per estensione), (abbigliamento) lembo finale della manica lunga di una giacca
  4. (senso figurato) capacità di ricevere rispetto e di imporre la propria autorità
sillabazione
pól | so
pronuncia

(IPA): /ˈpolso/

etimologia

dal latino pŭlsus cioè "battito, pulsazione", a sua volta derivato del verbo pello#Latino|pello, "battere, spingere"; in latino denotava appunto il battito cardiaco, poi passato in italiano, per metonimia, ad indicare la parte del braccio in cui esso è più facilmente udibile

sinonimi contrari proverbi e modi di dire
traduzione

traduzione

traduzione

traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.003
Dizionario italiano offline