prosopopea
sostantivo

prosopopea f sing (pl: prosopopee)

  1. (linguistica) figura retorica che consiste nel dare parola a defunti o a persone immaginarie o assenti oppure nel conferire prerogative umane ad animali, oggetti inanimati, concetti
  2. (senso figurato) (spregiativo) contegno goffamente sdegnoso di chi si atteggia con affettazione risibile a persona di grande importanza, mescolando arroganza, presunzione, gravità e sussiego a una meschinità di fondo; boria, altezzosità pomposa
    • Tranne le poche commendatoresse, che soffiavano la prosopopea, le altre signore, quasi tutte milanesi, appartenevano al ceto medio degli stipendiati a mille e otto, a due mila (Emilio De Marchi; Demetrio Pianelli)
    • parlando in modo ammaliante, tentava quasi di raggiungere con prosopopea ciò che non avrebbe mai meritato
sillabazione
pro | so | po | pè | a
pronuncia

(IPA): /prozopo'pɛa/

etimologia

dal latino prosopopoeia che deriva dal greco προσωποποιία derivazione di προσωποποίεω ( formato da πρόσωπον cioè "faccia, persona" e da ποιέω ossia "fare"); significa quindi "personificare"

sinonimi contrari
traduzione

traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.002
Dizionario italiano offline