ricattare
verbo

coniugazione

  1. (obsoleto) riscattare nell'onore o nel patrimonio
    • disse al Zeppa: or tu ben ricattato / Sopra di me ti sei: del mutuo oltraggio / Più non si parli e quel ch'è stato è stato (Giovanni Battista Casti, Novelle)
  2. (toscano) con significato vicino all'etimologia del vocabolo, recuperare, tornare in possesso di qualcosa o rifarsi di una spesa
  3. minacciare con azioni intimidatorie o con la promessa reiterata di rendere pubblici documenti riservati, carpiti con l'inganno, in grado di compromettere il ricattato nella sua rispettabilità, integrità, onorabilità ecc. o di comprovarne comportamenti viziosi per la legge al fine di estorcergli denaro o favori
  4. (ironico) spingere in modo scherzoso qualcuno a fare o a dare qualcosa quando risulta già palese in partenza che non può esservi diniego
    • dovrei essere fatto di pietra per dirti di no quando quegli occhi e quel sorriso si alleano per ricattarmi
  5. (diritto) estorcere; nel codice penale, il concetto di ricatto, insieme al reato di sequestro di persona, è assimilabile, fatte salve alcune fondamentali distinzioni, a quello di estorsione
sillabazione
ri | cat | tà | re
pronuncia

(IPA): /rikat'tare/

etimologia

ricostruito dal latino volgare *recaptare "riprendere", composto a partire dal classico captare (vedi capto), variante di capere "prendere", con l'aggiunta del prefisso iterativo re-

sinonimi parole derivate
traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.061
Dizionario italiano offline