ricatto
sostantivo

ricatto m sing (pl: ricatti)

  1. (diritto) estorsione di utilità illecite con intimidazioni col fine di costringere la vittima a comportarsi contro volontà
  2. (per estensione) sfruttamento di una condizione di debolezza altrui, anche presunta o procurata attraverso notizie, fatti saputi e/o questioni in sospeso veri o meno, prospettando una o più vendette, addirittura anche nella situazione in cui non venissero accettate azioni ingiuste
  3. (senso figurato) tentare di o riuscire a mettere in imbarazzo o a disagio qualcuno con tono minaccioso e/o "coercitivo", anche assumendo comportamenti persuasivi non propri

verbo

ricatto

  1. prima persona singolare dell'indicativo presente di ricattare
sillabazione
ri | càt | to
pronuncia

(IPA): /ri'katto/

etimologia

derivazione di ricattare dal latino recaptare formato dal latino re- cioè "ri-" e da captare cioè "prendere, afferrare"

sinonimi contrari proverbi e modi di dire
  • essere sotto ricatto : s'intende anche la presenza assidua ed assillante di una persona che impone la propria volontà, in genere facendo credere di poter agire con mezzi leciti ed illeciti a proprio favore ed a discapito degli stessi minacciati

traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.002
Dizionario italiano offline