tornare
verbo

coniugazione

  1. ritrovarsi nel medesimo luogo lasciato precedentemente
  2. (per estensione) riprendere un'azione che si era in parte lasciata
    • torno un attimo a studiare e poi ti richiamo subito
  3. andare o venire da un luogo dove si era già stati
    • anche qualora dovessimo trasferirci definitivamente, mi piacerebbe ogni tanto tornare assieme nella città dove sono nato
  4. (senso figurato) rivolgere di nuovo l'attenzione
  5. (familiare) ricreare il legame con i valori, le persone, anche le cose considerati più importanti
    • "Si ritorna al vecchio metodo... eh, fratello?!"
  6. arrivare da un viaggio
    • "Sto tornando da Roma... ci vediamo immediatamente"
sillabazione
tor | nà | re
pronuncia

(IPA): /tor'nare/

etimologia

dal latino tornare cioè "lavorare al tornio, far girare sul tornio"

sinonimi contrari parole derivate proverbi e modi di dire
  • tornare a galla
  • tornare in sé: dopo uno sfogo di rabbia, in seguito ad una crisi di nervi, di pianto oppure di panico, per aver detto cose in modo esageratamente rigoroso ovvero anche [quasi] folli, ecc
  • [quindi/allora] torniamo a noi...: prima di considerare o di dire qualcosa di molto, molto importante... anche nuovamente; di rado viene detto tra sé e sé... comunque quando qualcuno riprende le proprie faccende lavorative, in genere però in rapporto ad un'altra persona (per esempio un dentista o un medico in genere, un avvocato ma anche un imprenditore, ecc)

traduzione

traduzione

traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.033
Dizionario italiano offline