ubbia
sostantivo

ubbia f (pl: ubbie)

  1. (letterario) apprensione superstiziosa o di malaugurio; credenza, convinzione instillata dal pregiudizio o da supposizioni infondate, idea che si finisce con l'accettare irrazionalmente od opinione ben radicata ma immotivata che è fonte di preoccupazioni, avversione, paure, ansie, sospetti e di una timorosa avversione nei confronti di un oggetto (cosa o persona) o di una categoria di oggetti spesso vaga e indistinta
    • un misantropo che ha l'ubbia di essere perseguitato
    • le loro paturnie e ubbie derivanti dalla loro realtà culturale
    • ancora pregna di ubbie imperialistiche fasciste
sillabazione
ub | bì | a
pronuncia

(IPA): /ub'bia/

etimologia

incerta; tra le molte ipotesi, c'è chi parla di un'origine celtica, chi fa risalire il vocabolo al francese lubie "voglia capricciosa" (dal latino libere, desiderare), chi al latino oblivia "cose cadute in oblio", chi all'avverbio latino obviam, incontro (farsi incontro a qualcuno), composto da ob "verso, contro, per" e via(m) "strada, cammino", da cui anche il verbo latino obviare, incontrare, solo per citarne alcune a titolo di esempio

sinonimi parole derivate
traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.002
Dizionario italiano offline