un
articolo

un o uno m sing o un'
NOTA: si usa solo davanti a parole di genere maschile inizianti per vocale o per consonante tranne che "s" seguita da consonante, "x", "z", e preferibilmente non davanti ai gruppi consonantici "gn", "pn" e "ps"; in questi altri casi al maschile si usa "uno"; per gli usi al femminile vedi "una" e "un'"

  1. articolo indeterminativo: indica una persona, un animale o una cosa mai nominati precedentemente
    • oggi ho conosciuto un ragazzo a scuola, è molto simpatico
  2. si usa anche per indicare una categoria o una specie
    • un folletto può usare la magia
  3. si usa anche per indicare un appartenente ad una specie o ad una categoria
    • Se incontri un folletto fai attenzione, sono esseri maligni!
  4. si usa anche per indicare una persona, un animale o una cosa che non si desidera meglio specificare
    • ha bisogno di un buon psicologo
  5. si usa anche per indicare una persona, un animale o una cosa tra tante
    • ha preso un fazzoletto dal cassetto

numerale

un m sing
NOTA: vale la stessa nota d'uso dell'articolo

  1. variante, vedi uno
    • sul tavolo c'erano un coltello e due forchette
sillabazione
un
pronuncia

(IPA): /un/ (generalmente atono, si lega alla parola successiva)

etimologia

dal latino ūnu(m), che nella lingua classica era solamente aggettivo numerale e dunque in origine vale uno solo, uno di numero; nel latino volgare ha significato in seguito anche uno qualunque, un certo fino a diventare un vero e proprio articolo in italiano e in altre lingue romanze

termini correlati traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.002
Dizionario italiano offline