volubilità
sostantivo

volubilità f inv

  1. l'essere incline a mutare rapidamente animo e idee anche riguardo le questioni affettive e le scelte più importanti per inquieta debolezza, sensibilità estrema o incostanza insite nel carattere; può anche riferirsi a ciò che è suscettibile di frequenti variazioni o, più filosoficamente, di cambiamenti che sembrano frutto del capriccio del caso, della fortuna, di quella volontà inconoscibile e cieca o, in una prospettiva teleologica, imperscrutabile che pare guidare gli eventi
    • Una Donna volubile che nel giro di poche ore cambiasi più e più volte, sembrerà a qualcheduno pazza, e più che volubile. Veramente parlando, la volubilità per se stessa è una spezie di pazzia limitata, mentre la ragione suggerisce agli animi la costanza, e chi opera contro ragione suol dirsi pazzo. In tutte le cose vi è il più ed il meno. In un giorno una volubile si cambierà una volta: un’altra due e qualcheduna tre. Rosaura si cambia più volte ancora, ond’ella è una volubile eccedente, una volubile da Commedia. (Carlo Goldoni, La donna volubile, l'autore a chi legge)
sillabazione
vo | lu | bi | li | tà
pronuncia

(IPA): /volubiliˈta/

etimologia

dal latino volubilitas, volubilitatis, propriamente rotazione

termini correlati
traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.028
Dizionario italiano offline