sinecura
sostantivo

sinecura f sing (pl: sinecure)

  1. (religione) anticamente, incarico ecclesiastico che non prevedeva la cura delle anime
  2. (per estensione) impiego o compito concesso che garantisce una buona rendita con sforzi minimi o nulli
sillabazione
si | ne | cù | ra
pronuncia

(IPA): /,sineˈkura/

etimologia

dalla locuzione latina ecclesiastica sine cura cioè "senza cura (di anime)" formata dal latino sine (ovvero "senza") e cura (ossia "impegno")




Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.003
Dizionario italiano offline