sdrucire
verbo
  1. di stoffe, indumenti e simili, staccare, far saltare i punti di una o più cuciture
    • togli gentilmente, con temperatoio o coltellino o forbici, e sdruci intorno intorno la benda che hai cucita (Cennino Cennini; Il libro dell'arte, o Trattato della pittura di Cennino Cennini da Colle di Valdelsa; di nuovo pubblicato, con molte correzioni e coll'aggiunta di più capitoli, tratti dai codici fiorentini, per cura di Gaetano e Carlo Milanesi)
  2. (per estensione) ridurre a brani o stracci ciò che è già liso e consumato; logorare al punto tale da far aprire spontaneamente o ad un contatto lievemente più forte dell'usuale strappi o squarci nel tessuto
    • indossava i vestiti che appartennero ad un suo bisnonno o ad uno spaventapasseri dell'epoca del bisnonno, non seppi mai di preciso: vestiti quelli che a fissarli troppo sdruciscono in fretta, di modo che o passi inosservato oppure ti ritrovi nudo sotto gli sguardi
  3. (senso figurato) (raro) lacerare le carni con un colpo inferto di taglio
    • per carità, io da quel chirurgo la pancia non me la faccio sdrucire!
  4. (letterario) sciupare, rovinare, rompere, guastare o macerare, fracassare, detto spesso di imbarcazioni (anche intransitivo, vedi più sotto)
    • La procella gli avea sconquassato, sdrucito, scompaginato e rotto il legno, dopo averlo aggirato più giorni e tratto lontanissimo. (Vittorio Imbriani, L'impietratrice: panzana)
  5. (obsoleto) coprirsi di spaccature, frantumarsi, schiantarsi
riflessivo e Intransitivo Pronominale
* vedi sdrucirsi
sillabazione
sdru | cì | re
etimologia

da una voce del latino volgare variamente ricostruita che pare si possa con certezza far risalire al latino classico resuere (vedi resuo), col significato di "scucire"

parole derivate
traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.004
Dizionario italiano offline