calzare
sostantivo

calzare m sing (pl: calzari)

  1. (abbigliamento) leggera calzatura, di origine antica, costituite da una suola in cuoio e da una serie di lacci in pelle attorcigliati e annodati attorno al polpaccio sia a scopo di sostegno sia a scopo estetico.
  2. (abbigliamento) nell'abbigliamento liturgico, tipo di calza che arriva fino al ginocchio, adoperati nelle messe pontificali dai cardinali, vescovi, abati e dai prelati che ne hanno il privilegio. Non si portano nelle messe funebri, e il Venerdì Santo.Sono di tutti i colori liturgici, eccetto il nero, e non possono essere portate nel venerdì santo o durante cerimonie funebri
  3. (abbigliamento) una sorta di spessa calza in neoprene utilizzata per proteggere il piede dal freddo durante le immersioni subacquee

verbo

coniugazione

  1. indossare calzature e indumenti in genere che si infilano ai piedi o alle gambe (scarpe, calze, pantaloni ecc.), in modo adattarsi e aderire bene a quella parte del corpo.
  2. (senso figurato) (di esempio, discorso) essere perfetto
sillabazione
cal | zà | re
pronuncia

(IPA): /kalˈtsare/

etimologia

dal latino calceare cioè "indossare con la gamba o il piede"

sinonimi contrari
  • (specialmente scarpe e guanti) sfilare, togliere, levare
  • disdirsi, non convenire
parole derivate proverbi e modi di dire
  • calzare a pennello: andare benissimo

traduzione

traduzione

traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.003
Dizionario italiano offline