sfigato
aggettivo

sfigato m sing

singolareplurale
maschilesfigatosfigati
femminilesfigatasfigate

  1. (volgare) (gergale) di chi non ha vita affettiva e sessuale
  2. (antropologia) (sociologia) di chi non ha fortuna

sostantivo

sfigato m sing

singolareplurale
maschilesfigatosfigati
femminilesfigatasfigate

  1. (volgare) (gergale) chi non ha vita affettiva e sessuale
  2. (antropologia) (sociologia) chi non ha fortuna
  3. (per estensione) (senso figurato) chi non vede oltre, senza continuità rispetto alla propria esistenza; che non evolve
  4. (per estensione) (gergale) (spregiativo) senza massa muscolare, debole, brutto e con rancore
sillabazione
sfi | gà | to
pronuncia

(IPA): /sfiˈgato/

etimologia

Deriva dal prefisso s- (con il significato di senza) e da figa, variante settentrionale di fica; ha origine nel linguaggio giovanile all'inizio degli anni ottanta del ventesimo secolo. Usato in modo canzonatorio fra gli adolescenti per indicare chi non aveva ancora avuto e non aveva relazioni amorose, ovvero non aveva la "figa", "la donna", una ragazza e quindi per estensione sfortunati. L'idea di ritenere sfigato o sfortunato un uomo senza un partner femminile deriva dalla convinzione di molti sistemi sociali secondo cui, soprattutto prima del matrimonio, gli uomini sono autoritari e poco tolleranti e le donne no.

sinonimi contrari parole derivate termini correlati
traduzione

traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.178
Dizionario italiano offline