restare
verbo

coniugazione

  1. fermarsi in un luogo
    • cambiò idea e decise di restare
  2. (senso figurato) quanto d'uopo non v'ha dissenso
    • "Senza sostituirsi, ovvero resta vero che due fondamenti non coesistono nella medesima concezione"
  3. (familiare) in un gruppo di persone, sebbene sia una sorta di processo selettivo, indica la scelta fatta da qualcuno in merito alla preferenza appunto di altri e talvolta quindi all'emarginazione di chi non si desidera sia presente
  4. (per estensione) durare nel tempo
    • "Ah, beh.. questo resta un caposaldo della civiltà!"
  5. (raro) considerare, misurare, valutare indicativamente o in modo preciso una distanza di tempo prima che qualcosa possa avvenire
    • restano pochi minuti prima del tramonto
  6. non cambiare aspetto, riferimento, connotazione, talvolta natura e/o scopo
    • quantunque si scelga ogni volta un punto sulla superficie di una sfera, esso resterà per così dire sempre uguale a sé stesso
    • "David resta un vero amico"
sillabazione
re | stà | re
pronuncia

(IPA): /re'stare/

etimologia

dal latino restare, derivazione di stare

sinonimi contrari parole derivate proverbi e modi di dire
  • restare con un palmo di naso: rimanere amareggiato
traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.003
Dizionario italiano offline