viziato
aggettivo

viziato m sing

singolareplurale
maschileviziatoviziati
femminileviziataviziate

  1. (senso figurato) (per estensione) (spregiativo) che è capriccioso perché ha ricevuto un'educazione troppo tollerante; individuo, anche adulto, che ha troppo, forse più di quanto possa permettersi, soprattutto secondo la critica di alcuni
    • non è invidioso però l'ha definito viziato...
  2. che pretende cose non necessarie, futili, non destinate a sé e/o che potrebbero essere dannose oppure inutilizzate
  3. (senso figurato) che è abituato, in modo estremo o esagerato rispetto a sé, a riferimenti ripetitivi anche se non necessari e/o senza valore o di cui non ha spiegazionemotivazione
    • è una persona viziata perché è stato educato con regali come premi per obblighi necessari
  4. (per estensione) che, talvolta in modo prepotente, esige da altri per sé ma senza operare in merito ma addirittura senza prestare attenzione al comportamento
  5. (per estensione) che, senza alcun senso del dovere e persino mentendo, assume un atteggiamento superficiale e senza rispettoriconoscenza

verbo

viziato

  1. participio passato di viziare
sillabazione
vi | zià | to
pronuncia

(IPA): /vi'tsjato/

etimologia

participio passato di viziare

sinonimi contrari termini correlati proverbi e modi di dire
  • bambino viziato: con tono dispregiativo si riferisce a persona adulta con cattive abitudini, soprattutto di prepotenza nelle relazioni sociali

traduzione

traduzione

traduzione

traduzione

traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.002
Dizionario italiano offline