risiedere
verbo

coniugazione

  1. di persona o nucleo famigliare, trascorrere parte significativa del proprio tempo nel luogo ove si possiede una abitazione di proprietà o di cui si usufruisce per contratto di locazione o comodato, sia in modo abituale che temporaneo, oppure negli appartamenti di spettanza conferiti in ragione della carica o dell'ufficio che si riveste
    • da più di due secoli, al numero 10 di Downing Street, risiedono i primi ministri inglesi e le loro famiglie
  2. di organo amministrativo o politico, società, ditta, ente, organizzazione, e simili, essere concretamente situato, allogato; avere il proprio quartier generale
    • a Palazzo Madama risiede il Senato della Repubblica così come in precedenza, a partire dal 1871, vi risiedeva il Senato del Regno
  3. (senso figurato) di oggetti astratti o teorici, essere situato o situabile, rinvenuto o rinvenibile; albergare, avere la propria collocazione
    • la causa dei movimenti migratori di grandi popolazioni in età protostorica pare risiedere nei bruschi cambiamenti climatici più che nelle invasioni di popoli guerrieri
sillabazione
ri | siè | de | re
pronuncia

(IPA): /riˈsjɛdere/

etimologia

dal latino residere (vedi resideo e confronta resido), derivato di sedere (vedi sedeo), a cui il prefisso re- si aggiunge per indicare ripetizione, stabilità nel tempo

sinonimi termini correlati
traduzione

traduzione

traduzione



Questo testo è estratto dal Wikizionario ed è disponibile secondo la licenza CC BY-SA 3.0 | Terms and conditions | Privacy policy 0.002
Dizionario italiano offline